you are here: Home

24 -February -2017 - 03:06
Gazzetta del Sud - Sabato 9 Marzo 2013 - pag. 12

Gazzetta del Sud del 09-03-2013 | pag. 27 Scarica l'articolo

Long-term results of thoracosccopic reduction pneumoplasty for emphysema

Dipartimento di Chirurgia Toracica - Università di Tor Vergata - Roma

Postoperative adjuvant therapy for stage IB non-small-cell lung cancer

Tommaso Claudio Mineo*, Vincenzo Ambrogi, Vincenzo Corsaro and Mario Roselli Department of...

Leggi tutto...
Appendicular mucocele and pseudomyxoma peritonei: case report

7° Seminario Nazionale delle Scuole di Specializzazione e dei Dottorati di Ricerca in Chirurgia...

Leggi tutto...
Il tumore del polmone - Congresso Hotel de la Ville - Dicembre 2006

PRIMO INCONTRO CON LA SOCIETA' Una paura dei nostri giorni "IL TUMORE DEL POLMONE" Conoscerlo...

Leggi tutto...
Ma quale fuga di cervelli...io non scappo

06/01/2011 Calabria Ora | Scarica il pdf "Ma quale fuga di cervelli…Io non scappo" Comincio...

Leggi tutto...
Fistola bilio pleuro bronchiale iatrogena

FISTOLA BILIO PLEURO BRONCHIALE IATROGENA. CASE REPORT. P. Tripodi[1], G. Caserta1, E. Molino1,...

Leggi tutto...
"Giuro per Apollo medico e per Asclepio e per Igea e Panacea e per tutti gli Dei e le Dee, chiamandoli a testimoni che adempirò secondo le mie forze e il mio giudizio questo giuramento e questo patto scritto. Terrò chi mi ha insegnato quest' arte in conto di genitore e dividerò con Lui i miei beni, e se avrà bisogno lo metterò a parte dei miei averi in cambio del debito contratto con Lui, e considerò i suoi figli come fratelli, e insegnerò loro quest'arte se vorranno apprenderla, senza richiedere compensi né patti scritti. Metterò a parte dei precetti e degli insegnamenti orali e di tutto ciò che ho appreso i miei figli del mio maestro e i discepoli che avranno sottoscritto il patto e prestato il giuramento medico e nessun altro. Scegliero' il regime per il bene dei malati secondo le mie forze e il mio giudizio, e mi asterrò dal recar danno e offesa. Non somministerò a nessuno, neppure se richiesto, alcun farmaco mortale, e non prenderò mai un' iniziativa del genere; e neppure fornirò mai a una donna un mezzo per procurare l'aborto. Conserverò pia e pura la mia vita e la mia arte. Non opererò neppure chi soffre di mal della pietra, ma cederò il posto a chi è esperto di questa pratica. In tutte le case che visiterò entrerò per il bene dei malati, astenendomi ad ogni offesa e da ogni danno volontario, e soprattutto da atti sessuali sul corpo delle donne e degli uomini, sia liberi che schiavi. Tutto ciò ch'io vedrò e ascolterò nell'esercizio della mia professione, o anche al di fuori della della professione nei miei contatti con gli uomini, e che non dev'essere riferito ad altri, lo tacerò considerando la cosa segreta. Se adempirò a questo giuramento e non lo tradirò, possa io godere dei frutti della vita e dell'arte, stimato in perpetuo da tutti gli uomini; se lo trasgredirò e spergiurerò, possa toccarmi tutto il contrario."

Giuramento di Ippocrate